Super Bonus detrazioni fiscali infissi palermo

Detrazioni Fiscali per ristrutturazioni edilizie: Decreto Rilancio 2020

Chi sostiene le spese per la ristrutturazione della prima casa e degli appartamenti può beneficiare di sgravi fiscali sul reddito delle persone fisiche per interventi volti al miglioramento delle prestazioni energetiche. Si tratta del super bonus compreso nel riemesso Decreto Rilancio del 19 maggio 2020 n.34 che prevede che dalla spesa sostenuta dal 1 luglio 2020 al 31 dicembre 2021 sia detratto il 110% della detrazione Irpef. Può essere utilizzato come sconto su fattura o come credito. Gli interventi di ricertificazione energetica venduti ad istituzioni consolidate per consentire super bonus comprendono l'installazione di sistemi di isolamento esterno e / o l'installazione di sistemi centralizzati di riscaldamento / raffrescamento. I requisiti di base sono:

  • Riqualificazione dei due livelli energetici dell'immobile in fase di ristrutturazione o raggiungimento del livello A (certificato A.P.E.)
  • Gli interventi adottati per la ricertificazione energetica interessano almeno il 25% dell'area di dispersione totale.

Quindi, il 50% dell'imposta dovrebbe essere detratto per i costi sostenuti a causa della sostituzione di infissi o altri interventi che hanno un impatto minore sul livello energetico della casa o dell'edificio.

CONDIZIONI PER CHIEDERE LE DETRAZIONI

La detrazione del 110% si applica alle spese documentate a carico del contribuente sostenute dal 1 luglio 2020. Fino al 31 dicembre 2021, da dividere tra gli aventi diritto a cinque rate annuali di pari importo, con i seguenti limiti:

INTERVENTO LIMITI DI SPESA
Interventi di isolamento termico di edifici con frequenza superiore al 25% della superficie dissipante totale.
50.000 euro per singola unità immobiliari.
Sostituzione impianti di climatizzazione invernale con impianti centralizzati di riscaldamento, raffrescamento o acqua calda sanitaria a condensazione con efficienza almeno pari alla classe A 30.000 euro (per unifamiliare).
Installazione di impianti fotovoltaici (se collegati ad uno degli interventi precedenti o al sisma bonus) 48.000 EUR ed entro un limite di spesa di 2.400 EUR per ogni kW di potenza nominale del sistema solare fotovoltaico; la detrazione viene trasferita a G.S.E. energia non utilizzata da te.
Altri interventi rientranti nell’eco bonus ( pannelli solari, schermature solari, ecc) Se collegati agli interventi di cui al punto 1 e 2; scontano i limiti di spesa ordinari.
Installazione colonnine ricarica auto elettriche Solo se l’installazione è eseguita congiuntamente ad uno degli interventi di cui all’eco bonus. 110%
Sismabonus Limiti di spesa normali. Edifici destinati alla sede, ubicati in zone a medio rischio sismico (1, 2 e 3), indicati con ordinanza del Presidente del Consiglio n. 3274 del 20 marzo 2003.

CHI NE HA DIRITTO

Ai sensi di quanto previsto dai commi da 1 a 8 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, le detrazioni fiscali riguardano gli interventi effettuati:

a) da comunità abitative;

b) da persone fisiche, oltre allo svolgimento di attività imprenditoriale, artistica e professionale, su unità immobiliari, ad eccezione dei casi previsti dal comma 10;

c) da istituti pubblici indipendenti di edilizia residenziale pubblica (IACP), comunque citati, e da enti aventi le stesse finalità sociali dei suddetti istituti, costituiti sotto forma di imprese rispondenti ai requisiti della normativa europea in materia di interventi "interni" su immobili, di proprietà o gestiti per conto dei comuni, adibiti ad alloggi comunali;

d) da cooperative edilizie a proprietà indivisa per gli interventi effettuati su immobili di loro proprietà e messi in uso dai loro soci.

 

COME E QUANDO

Per usufruire della detrazione devi:

  1. in caso di interventi previsti dal decreto, tecnici qualificati confermano il rispetto dei requisiti previsti dalla normativa di cui all'art. 14 sec. 3 ° del D.lgs. 63 del 2013. E la congruità delle spese sostenute in relazione agli interventi agevolati. Una copia del certificato viene inviata solo per via elettronica all'Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile (ENEA).
  2. dimostrare con l'attestato di prestazione energetica (A.P.E) di cui all'art. 6 del decreto-legge 19 agosto 2005, n. 192, prima e dopo l'intervento, un innalzamento di almeno due classi energetiche dell'edificio o il raggiungimento della classe energetica più elevata, rilasciato da un tecnico abilitato sotto forma di dichiarazione certificata.

Un nostro consulente ti guiderà passo passo attraverso tutti i documenti necessari per ottenere la detrazione. Puoi scegliere di ottenere lo sgravio fiscale in due modi:

  • Sconto su fattura: è la somma corrispondente all'importo da pagare e viene detratta direttamente dall'importo dell'intervento da pagare al fornitore. Quest'ultimo poi recupera l'importo complessivo mediante l'applicazione di crediti d'imposta, e ha facoltà di attribuire successivamente crediti d'imposta ad altri soggetti, inclusi istituti di credito e altri intermediari finanziari.
  • Cessione del credito: converte l'importo corrispondente in crediti d'imposta e può scegliere di assegnarlo ad altri conti, inclusi istituti di credito e altri intermediari finanziari.

I nostri consulenti vi seguiranno passo per passo nella presentazione di tutte le documentazioni necessarie per accedere alle detrazioni.

I crediti d'imposta possono essere utilizzati anche a titolo di risarcimento sulla base delle rate residue non utilizzate, e la ripartizione delle rate annuali è la stessa delle detrazioni che dovrebbero essere utilizzate. I crediti d'imposta non utilizzati nell'anno in corso possono essere utilizzati negli anni successivi, ma non possono essere richiesti rimborsi.